Alessandro-Ferruccio Marcucci Pinoli di Valfesina, Nani per gli amici, Avvocato, Console, Ambasciatore, Cavaliere, Commendatore, Gran Croce di numerosi Ordini, anche della Repubblica Italiana, è stato presidente, tra l’altro, della maggior catena alberghiera nazionale.

E’ da sempre impegnato in imprese e iniziative private epubbliche ma - ha scritto Carlo Bo - delle tante attività di cui è magna parsprivilegia decisamente le culturali”. Fra le molte altre manifestazioni, ha ideato e promosso, come presidente dell’APT di Urbino e sovrintendente, il Festival Internazionale del Teatro Rinascimentale di Corte di Urbino (1994-97). Da sempre coltiva la poesia, ma solo all’inizio del nuovo millennio ha pubblicato il suo primo libro di liriche e aforismi, “Dulcis Vivas”, destinato ad una stretta cerchia di amici, riscuotendo subito un successo così unanime da portarlo in poco tempo all’ultima raccolta di poesie, la sesta, Vivi dolcemente, che costituisce il vero confronto con il pubblico più vasto (Salerno Editore). Ha poi pubblicato altri quattro libri di poesie, un libro di fiabe, “Quattro favole per nonni”; “Sermona propiora”; “12. I mesi della nostra vita (La vita dei miei mesi)”. E poi (oltre a “Persona e  personalità del re”; “I Conti Marcucci Pinoli”; “Sermona Pedestri Buon Dio Grazie”), uno di aneddoti “Il mio repertorio”, e una tragedia, “L’ultimo Presidente”, uscita su Sipario” di maggio-giugno 2004 (nn. 659-660), ottenendo premi, prestigiosi“commenti” e lusinghieri giudizi (tra gli altri, di Carlo Bo, Mario Luzi, StanislaoNievo e Vittorio Sgarbi). Infine ha pubblicato “Quattro gialli e mezzo” e “Il VI angelo” con l’Editrice Nuovi Autori. Per quanto riguarda la sua attività di “artigianodelle sensazioni” (come ama definirsi), i suoi quadri “materici”, i suoi “autoritratti” ironici e le sue sculture sono presenti in molte collezioni private. Le sue opere, sitrovano alla galleria “La loggia di Nani” e al “Fai Vivere” dell’Hotel Savoy diPesaro e dell’ Albergo San Domenico di Urbino. Ultimamente ha ricevuto anchealcune commesse pubbliche – per la Provincia di Pesaro-Urbino ha eseguito unagrande scultura, di 12 metri: “Energia per l’uomo” – e ha tenuto numerose mostre:a Cortina (Galleria Contini), a San Marino (Galleria di storia d’Arte Contemporanea), a Monte Carlo (Galleria Rabel), a Pesaro al Palazzo Comunale ecc. Nell’ottobre del 2004 ha esposto al Palazzo dei Capitani del Popolo ad Ascoli Piceno. Da allora, per quattro anni, si è dedicato alla sua grande opera: l’Alexander Museum Palace Hotel di Pesaro, realizzato con 100 Artisti e inaugurato il 28 giugno 2008, sul quale ha anche scritto un libro, edito dall’ELECTA MONDADORI. Ultimamente ha accettato l’invito anche a delle collettive: alla Galleria “Art Ø 65” (dove ha esposto “La sement de’ caccianes!”) e, con “l’Accolta dell’Alexander Museum Palace”, alla 1° Rassegna Nazionale d’Arte della Città di Osimo. Nel dicembre 2009: “Personale” nel Palazzo Reale di Napoli. Nel 2010: riceve da Vittorio Sgarbi, quale Presidente dell’ Accademia di Belle Arti di Urbino, il PREMIO “IL SOGNO DI PIERO”. E’ “selezionato” alla Biennale di Asolo (dal 14.05 al 05.07) e “invitato” alla collettiva “Sguardo sulla realtà e oltre”, nel complesso Sant’Andrea al Quirinale a Roma (dal 14.05 a 29.05). Infine, sabato 12 giugno: inaugurazione della “ GABBIA”, installazione permanente per il Comune di Pesaro. Lo stesso giorno ha ricevuto il “Premio Rotondi - Arca dell’Arte”. E dal 24 giugno all’11 luglio: “Personale” al Palazzo delle Esposizioni di Roma. E anche “Accademico” dell’Accademia Raffello di Urbino. Ha pubblicato un’altra silloge di poesie: “Rimugino …” e il libro “La favola bella”.

Pesaro, 12/1/2015